Case Study: Linea Trasporto Scocche Verniciatura

Il case study che andiamo ad analizzare riguarda un insieme di lavori che abbiamo eseguito per un nostro cliente costruttore di auto di lusso.

 

Esigenza

 

L’esigenza era quella di ampliare gli accumuli all’uscita di diversi impianti nel reparto verniciatura, per evitare fermi della produzione.

 

Soluzione

 

E’ stato necessario intervenire sia da un punto di vista strutturale - creando un soppalco in profilati metallici per accogliere una serie di trasportatori – sia sull’originario layout dei trasportatori esistenti, andando ad aggiungere una tavola girevole con tavola acceleratrice a bordo, un discensore e tutta una serie di tavole di svincolo e trasferitori laterali  per la movimentazione delle scocche sugli skid, nonché dei Safety Gate: dei dispositivi anticaduta che garantissero la sicurezza del personale.


Il primo intervento aveva come obiettivo l’aggiunta di 14 posti di stoccaggio all’impianto originale, sul flusso di uscita delle scocche dalla linea ATV. La logica con cui è stato realizzato questo accumulo viene denominata con l’acronimo F.I.FO. ovvero First In First Out, secondo cui la prima scocca ad entrare è anche la prima ad uscire.

Trasferitore a cinghie di gomma

 

Abbiamo progettato e costruito alcuni trasferitori a cinghie di gomma. Si tratta di una struttura in profilati che forma 2 binari. Su ogni binario scorre un anello in cinghia per la traslazione dello skid. Al centro è montato un motoriduttore che per mezzo di giunti cardanici porta il movimento alle 2 cinghie. All’interno abbiamo inserito delle tavole di svincolo per sollevare lo skid dal trasferitore. Abbiamo realizzato due modelli di queste tavole di svincolo, uno con tavola acceleratrice e uno senza.

 

Tavola girevole

La tavola girevole si compone principalmente di due pezzi, uno fisso e uno girevole; l’elemento fisso è una struttura elettrosaldata fissata a pavimento. Al centro, porta un fulcro dove viene alloggiata la parte mobile, ovvero un telaio che gira su 4 ruote rivestite in gomma, che scorrono su una pista circolare. Di queste, una è motorizzata da un motoriduttore montato a sbalzo direttamente con un braccio di reazione sull’albero della ruota in oggetto.

Su questa tavola girevole è stata applicata una tavola acceleratrice, composta da 6 rulli collegati tra loro e animati da un motoriduttore coassiale azionato da inverter; questo per poter effettuare dei trasferimenti con delle rampe di accelerazione e decelerazione e quindi delle movimentazioni più fluide. Con questa soluzione è possibile ricevere uno skid da una linea e trasferirlo su un’altra linea posta su uno qualsiasi dei punti presenti sul diametro della tavola. In questo caso il trasferimento avveniva tra due linee ortogonali tra loro.

Discensore

 

Il discensore a doppia colonna serve al trasferimento di quota dal piano officina al piano soppalco su cui è stato realizzato l’accumulo scocche. E’ costituito di una struttura fissa, le colonne, e di una parte mobile. Quest’ultima scorre sui 2 profili tubolari mediante delle ruote di contrasto disposte sui 4 lati del profilo e dotate di rivestimento in Vulkollan® per una maggiore silenziosità e fluidità di movimento.

La parte mobile è dotata di tamburi per il sollevamento a mezzo di cinghie e di 2 motoriduttori, uno di presa e l’altro di back-up  in maniera che la rottura di un motoriduttore non possa compromettere un fermo produttivo della macchina. Il discensore porta a bordo una tavola acceleratrice classica dotata di 6 rulli e di motorizzazione come quella vista sulla tavola girevole.
Anche le motorizzazioni del discensore sono azionate da inverter per ottenere delle rampe di accelerazione e decelerazione del carico trasportato.

 

Carrello di trasbordo

 

Il carrello di trasbordo è composto principalmente da una parte mobile con a bordo una tavola trasferitrice a rulli; il tutto montato su 4 ruote che scorrono su due rotaie ortogonali al carrello e fissate a pavimento a mezzo spit chimici. La movimentazione del carro avviene per mezzo un motoriduttore montato nella parte centrale che trasmette il moto a una coppia di ruote per mezzo di giunti cardanici.

 

Sicurezza: Safety Gate

 

Il Safety Gate è un varco tecnico a portone, un dispositivo di sicurezza che serve a evitare le cadute nel vuoto attraverso i varchi necessari al trasferimento dello skid dal discensore alle tavole acceleratrici. Ha una struttura fissa in profilati metallici ed una mobile in tubolari.

Quando si deve compiere il trasferimento dello skid, il Safety Gate fa abbassare i 3 tubolari che vanno ad impacchettarsi nella parte bassa e permette il trasferimento dello skid e quindi della scocca. Una volta terminato il trasferimento i 3 tubolari si risollevano per creare nuovamente la barriera anticaduta.


Potenza motori Componenti di Trasporto


Tensione d’alimentazione..........230/400 V
Frequenza.....................................50 Hz


Potenza motori:


- Tavole accelleratrici:……… 0,37 e 0,18 KW
- Tavole elevatrici (trasferimento)..0,37 KW
- Tavole elevatrici (sollevamento)…0,75 KW
- Tavole girevoli (rotazione)………….0,37 KW
- Carrello di trasbordo(traslazione). 0,4 KW
- Trasferitori a cinghia…………………….1,5 KW
- Discensore (sollevamento)…………. 2,2 KW
- Discensore (allineamento)……….. 0,75 KW
- Safety-gate………………………..……….0,18 KW

 

P+© 2011 LOMA srl - automazione industriale - Riproduzione riservata